Via Milite Ignoto, VV 89900, Vibo Valentia
+39 328 8997549
WWFVibo@gmail.com

Gli Uccelli del Lago

Created with Sketch.

Il lago dell’Angitola, sin dalla sua realizzazione, ha rappresentato un habitat importante per l’avifauna in transito lungo la costa tirrenica calabrese a causa delle particolari condizioni climatiche della zona, tali da permettere lo svernamento e la sosta di numerose specie di  uccelli acquatici.

L’elenco avifaunistico dell’oasi comprende oltre 130 specie diverse di uccelli in cui predominano quelle legate alle zone umide.

La specie più rappresentativa  del lago dell’ Angitola è lo Svasso maggiore , prettamente acquatico che, proprio qui, nel  1982,  ha realizzato i primi nidi mai osservati in Calabria. La presenza dello Svasso si può riscontrare in tutte le stagioni, ma il periodo più indicato per poterne osservare il particolare comportamento riproduttivo è la primavera avanzata.

Notevole la presenza del Cormorano, prevalentemente  svernante a partire da settembre.

Il gruppo degli Aironi  comprende il comune Airone cenerino ,  quello Bianco maggiore,  più raro,  l’Airone rosso, legato alla presenza di canneti, oltre a  Garzette, Sgarze ciuffetto , Nitticore  – le ultime due di passo regolare – e al nidificante, piccolo Tarabusino . Da qualche anno ha fatto la comparsa nel territorio dell’oasi anche l’Airone Guardabuoi, di origine indo-africana, in forte espansione nell’Europa meridionale.

Non infrequenti le osservazioni  prevalentemente primaverili di Spatole e Mignattai .

Naturalmente non mancano, specie in inverno, Rallidi come  le nere Folaghe ,  o le Gallinelle d’Acqua, oltre al grande gruppo delle anatre come il Germano reale , nidificante regolare, l’ Alzavola, il  Fischione, o i più rari  Codone , Mestolone, Moriglione  ecc.. La Marzaiola, come indica il suo nome, si ferma sul lago per pochi giorni all’inizio della primavera, durante il suo viaggio migratorio dall’Africa in Europa.

Tra i rapaci diurni ricordiamo le due specie stanziali e nidificanti : la Poiana   e il falchetto Gheppio , mentre durante il periodo della migrazione fanno la loro comparsa il Falco Pescatore, intento a procacciarsi il cibo a spese soprattutto di Carassi, (una specie di Carpa immessa artificialmente e ambientatasi perfettamente nel lago), il Nibbio Bruno  e stormi a volte numerosi del Falco Pecchiaiolo, anch’esso in migrazione primaverile. Frequenti gli avvistamenti di esemplari di Falco di palude a caccia sul lago.

Risultano di passo primaverile l’elegante Cavaliere d’Italia, e il Combattente, svernanti i Beccaccini e, nei boschi ripariali,  la Beccaccia. . Durante i periodi della migrazione oppure in  piena estate si possono osservare (o udire) gruppi di Gruccioni  che scavano i loro nidi in una colonia all’interno dell’oasi, mentre il Martin pescatore  si nota soprattutto in inverno. I Picchi sono rappresentati dal Picchio verde e da quello Rosso maggiore.

Tra i Passeriformi ricordiamo le nidificazioni del Pendolino , del Rigogolo  e del Cannareccione .